IL DECRETO ANTI SFRATTO
Data Saturday, September 06 @ 16:14:00
Argomento


Decreto Ministeriale 14 maggio 2014 - ANTI SFRATTO
Al via il fondo “anti sfratti”: lo Stato paga l’affitto per l’inquilino
04/09/2014 |


Tutti coloro che non hanno la disponibilità economica per pagare il canone di locazione, potranno accedere a un fondo messo a disposizione dallo Stato per pagare l’affitto e impedire così lo sfratto.
É infatti già in vigore il Decreto Ministeriale 14 maggio 2014 che da attuazione al fondo “anti sfratti”, ossia lo stanziamento di 20 milioni di euro per gli anni 2014 e 2015 a favore degli inquilini morosi non colpevoli.

Il fondo, ripartito in proporzione al numero dei provvedimenti di sfratto emessi (di cui il 30% andrà alle regioni Piemonte, Lombardia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Marche e Campania ed il restante 70% a tutte le altre regioni e province autonome), prevede la concessione di un contributo economico di massimo di 8.000 euro per coloro che ne faranno richiesta (tramite bando pubblicato dai relativi Comuni).

Di seguito gli indicatori da tener presente per la richiesta di accesso al Fondo sulla morosità incolpevole:

possedere un reddito ISE fino a 35.000 euro o un reddito ISEE fino a 26.000 euro
avere già ricevuto l’intimazione di sfratto per morosità, con citazione per la convalida
essere titolare del contratto di locazione dell’immobile ad uso abitativo regolarmente registrato (sono esclusi gli immobili appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9, quindi le case di lusso e di pregio)
avere cittadinanza italiana o di un paese dell'UE, in caso contrario possedere un regolare titolo di soggiorno
risiedere nell’alloggio oggetto della procedura di rilascio da almeno un anno
non essere titolare di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione nella provincia di residenza di altro immobile fruibile
Costituisce, infine, criterio preferenziale per la concessione del contributo la presenza all'interno del nucleo familiare di almeno un componente che sia ultrasettantenne o un minore o con invalidità.







Questo Articolo proviene da U.P.P.I. Alessandria
http://www.uppi-alessandria.it

L'URL per questa news è:
http://www.uppi-alessandria.it/article.php?sid=360